Assistenza sanitaria ai non residenti

Forum Studenti fuori sede La vita da fuori sede Assistenza sanitaria ai non residenti

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  junky 1 anno, 3 mesi fa.

  • Post
    junky
    Amministratore del forum
    IT

     

    Dal sito della Regione Piemonte

    Le modalità per usufruire dell’assistenza sanitaria se non si è residenti in Piemonte

    I cittadini italiani che soggiornano per più di tre mesi in una comune del Piemonte per comprovati motivi di lavoro, studio o malattia possono scegliere un medico di famiglia o un pediatra di libera scelta: per farlo devono iscriversi presso l’Ufficio Scelta e revoca dell’Azienda sanitaria dove hanno eletto il proprio domicilio.

    Come fare la richiesta

    L’interessato deve recarsi presso gli Uffici Scelta e revoca del distretto dell’ASL dove intende eleggere il domicilio sanitario presentando:

    • tessera sanitaria dell’ASL di residenza
    • codice fiscale
    • certificato di cancellazione del medico di medicina generale rilasciato dall’ASL di residenza
      • se per motivi di lavoro: certificato rilasciato dal datore di lavoro (o autocertificazione) dal quale risulti che l’interessato, per motivi di lavoro, abita in un Comune diverso da quello di residenza per un periodo superiore a 3 mesi
      • se per motivi di studio: certificato di frequenza rilasciato dalla scuola o dall’ente (o autocertificazione), con indicazione della durata del corso
      • se per motivi di salute: certificato rilasciato da un medico specialista di struttura pubblica sanitaria, che comprovi i motivi di salute e indichi il periodo di soggiorno.

    Si tratta di una iscrizione temporanea la cui calidità va da un minimo di tre mesi a un massimo di un anno e che può essere rinnovata se rimangono valide le stesse condizioni.

    Chi non è iscritto, in caso di necessità si può rivolgere a un medico di medicina generale o a un pediatra di libera scelta convenzionato con un’ASL fuori dal proprio comune di residenza, ma è tenuto al pagamento della visita. Al rientro presso la propria residenza, possono chiedere il rimborso alla propria ASL, dietro presentazione della fattura rilasciata:

    • i minori di 6 anni
    • gli ultrasessantacinquenni il cui reddito sia inferiore a euro 36.151,98 lordi l’anno
    • i cittadini portatori di handicap il cui grado di invalidità sia pari o superiore al 67 per cento

    Alcuni links utili:

     

    • Questo argomento è stato modificato 1 anno, 3 mesi fa da  junky.
    junky
    0
    0

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.